Ancora alternanza tra fasi calde e brevi rinfrescate, per ora niente piogge significative in vista.


L’estate 2020 procede con i classici canoni dell’estate mediterranea, per ora senza significativi eccessi per quanto riguarda le temperature e con temporali, prodotti da veloci perturbazioni atlantiche, presenti soprattutto al nord ma sempre meno frequenti man mano che si procede verso sud. Ciò è dovuto essenzialmente all’assenza, per ora, dell’anticiclone afro mediterraneo sull’Italia, con fasi anticicloniche generalmente caratterizzate dall’espansione verso oriente dell’anticiclone atlantico o per meglio dire dell’anticiclone delle Azzorre. L’espansione lungo i paralleli e non i meridiani, degli anticicloni, condiziona anche il transito delle perturbazioni nord atlantiche sull’Italia, queste, durante le temporanee ritirate dell’anticiclone atlantico, scendono dall’Inghilterra sulla Francia per poi transitare sulle regioni alpine prima di finire sull’Europa orientale. Ciò spiega la maggiore presenza di temporali al nord mentre si presentano più occasionali al centro sud, interessato più marginalmente da questi impulsi perturbati.
Dopo questa breve introduzione sulle dinamiche meteo climatiche attuali sullo scenario euro atlantico mediterraneo, passiamo all’osservazione ed alla previsione sull’evoluzione atmosferica attesa per i prossimi giorni.
Nella giornata di ieri martedì 7 luglio un fronte nord atlantico è transitato tra le Alpi ed il centro Europa diretto sull’Europa orientale, molte nubi soprattutto al nord, specie settori centro orientali dove ci sono sttai rovesci e temporali, poi nubi anche sulle regioni adriatiche e lungo l’Appennino interessati dalla coda della perturbazione ma con precipitazioni scarse, più ad ovest sole. Sull’Umbria la pressione atmosferica è calata con aumento di nubi al primo mattino, poi è aumentata di 10 mb in poche ore, si sono attivate correnti più fresche e secche nord orientali che hanno spazzato via le nubi e riportato il sereno, tramontana e temperature più basse.
Archiviata questa fase ora torniamo ad avere una circolazione anticiclonica sopra l’Italia con sole, venti in attenuazione e temperature in aumento fino a sabato 11 luglio, poi ci troveremo nuovamente in una situazione simile a quella appena archiviata. Un veloce fronte nord atlantico in movimento dall’Inghilterra attraverso l’Europa centrale diretto sull’Europa orientale, interesserà con molte nubi, rovesci e temporali le regioni alpine ed il Triveneto nella giornata di sabato 11 luglio, poi domenica 12 luglio le regioni adriatiche e la dorsale appenninica con nubi ma precipitazioni più scarse, temperature in calo e miglioramento con ingresso della tramontana e temperature in calo, al nord e gran parte del centro, entro il pomeriggio della stessa giornata di domenica 12 luglio. Lunedì 13 e martedì 14 luglio ancora anticiclone sull’Italia con temperature di nuovo in aumento.
Sull’Umbria sole e temperature in aumento da oggi fino a sabato 11 luglio con venti inizialmente settentrionali in attenuazione, poi sud occidentali in lieve intensificazione. Le temperature massime raggiungeranno valori già registrati nelle scorse settimane, quindi a Terni anche 36°C entro sabato 11 luglio. La giornata di domenica 12 luglio inizierà probabilmente con nubi ma scarso rischio precipitazioni, nel pomeriggio rasserenamenti con un po’ di tramontana e temperature in calo anche di 5°C/6°C rispetto a venerdì 10 o sabato 11 luglio. Lunedì 13 e martedì 14 luglio sole, venti in attenuazione e temperature in aumento.
La grafica qui di seguito mostra la circolazione atmosferica a livello del mare (linee bianche) ed in quota (fasce colorate), attualmente prevista sopra l’Italia per il pomeriggio di sabato 11 luglio 2020.


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Peggioramento rapido ma significativo, pochi temporali ma anche forti, calo termico più consistente

Giugno instabile ma estate a rischio intense ondate di caldo con brevi ma violenti break temporaleschi

Lunedì 24 agosto alcuni temporali e fine del caldo intenso, da sabato 29 agosto probabile primo colpo serio all’estate