Post

Visualizzazione dei post da 2021

Qualche locale temporale pomeridiano a metà settimana poi confermato sole e gran caldo

Immagine
  Fine settimana decisamente estivo quello appena trascorso sull’Umbria come un po’ su tutta l’Italia, con tanto sole e temperature elevate, sopra le medie del periodo, sulla nostra regione, ieri domenica 13 giugno, registrati valori massimi di 34°C a Terni, 32°C a Foligno, 31°C a Perugia S.Egidio e 30°C a Città di Castello. Nei prossimi giorni ancora clima estivo un po’ su tutta l’Italia ma con qualche “variante sul tema”, dovuta essenzialmente ad una rotazione delle correnti prodotta da un’oscillazione est-ovest del promontorio anticiclonico afro mediterraneo che si sta consolidando sopra il bacino centro occidentale del mar Mediterraneo. Attualmente infatti osserviamo un promontorio anticiclonico afro mediterraneo in rafforzamento sopra il bacino occidentale del mar Mediterraneo con massimi di pressione, sia a livello del mare che in quota, tra l’Algeria e la Francia, poco più ad ovest, sopra le coste atlantiche portoghesi, una piccola circolazione depressionaria evidente soprattutt

Sole e tramontana, debolissima instabilità atmosferica solo nel sud dell’Umbria. Caldo in aumento.

Immagine
  Ultime 24 ore caratterizzate da temporali e piogge pomeridiane su gran parte dell’Umbria anche se a registrare i maggiori accumuli sono stati ancora una volta i settori meridionali mentre nel nord continua la fase siccitosa, od almeno ampiamente sotto media pluviometrica, iniziata praticamente a gennaio. Anche nei prossimi giorni, in un clima che avrà sempre più le caratteristiche estive con sole e caldo in aumento, i possibili isolati, brevi temporali pomeridiani continueranno ad interessare quasi esclusivamente l’estremo sud dell’Umbria. Fino almeno a metà della prossima settimana infatti, nuclei di aria fresca nord atlantica, anche più corposi di quelli transitati sul bacino centrale del mar Mediterraneo, riusciranno ad attraversare il cuore dell’Europa per poi dirigersi sui Balcani. L’Italia sarà interessata solo marginalmente da questi impulsi perturbati con instabilità significativa solo sulle Alpi e meno vivace sul sud Italia dove agiranno correnti nord orientali un po’ più fr

Sole e caldo fino a sabato 5 giugno poi instabilità atmosferica con temporali e temperature in lieve o moderato calo

Immagine
Gli anticicloni continuano a snobbare l’area mediterranea preferendo latitudini più settentrionali, spesso a nord delle Alpi, che sia l’oceano Nord Atlantico o la Scandinavia. Sull’Italia quindi la pressione non decolla, anche nei brevi periodi con circolazione anticiclonica difficilmente a livello del mare si superano i 2022 mb ed anche in quota va meglio. Nei prossimi giorni questa situazione sarà ancora più evidente, soprattutto in quota, dato che l’area mediterranea centro occidentale sarà meta d’impulsi di aria fresca provenienti sia dal Nord Atlantico che dal nord est Europa, le temperature comunque resteranno su valori gradevoli, simil estive, grazie anche al fatto che al mattino spesso ci sarà il sole ed in questo periodo dell’anno il soleggiamento già di suo dura molte ore. Venendo comunque all’evoluzione atmosferica nel dettaglio, attualmente osserviamo un ampio e robusto anticiclone sopra la Scandinavia, una circolazione depressionaria sopra l’Europa occidentale ed un’altra

Fronte freddo in arrivo ma poca pioggia e calo termico moderato, poi ancora sole. Temporanea, debole instabilità pomeridiana nel sud dell’Umbria.

Immagine
  L’estate inizia pian piano ad affermarsi sull’Italia e sull’Umbria, più per l’azione stagionale del soleggiamento che per la circolazione atmosferica generale che, ancora, soprattutto sull’Europa centrale, propone correnti instabili prevalentemente settentrionali, nord atlantiche o, come ad esempio nei prossimi giorni, nord orientali. In specifico, nelle prossime ore, dopo un periodo relativamente lungo con una circolazione blandamente anticiclonico, la pressione atmosferica sull’Italia tornerà a calare. Un anticiclone si sta infatti rafforzando sul nord Europa, tra Scozia e Scandinavia, ciò determina la discesa di un fronte freddo artico, proveniente dalla Lapponia e seguito da un corposo nucleo di aria fredda, fin sopra l’Europa centrale. Il fronte poi, tra stasera e domani domenica 30 maggio, scenderà lungo le regioni adriatiche anche se il nucleo freddo principale transiterà tra Balcani e Carpazi. Questo basterà comunque per portare rovesci sparsi e qualche locale temporale, tra

Giornate soleggiate con temperature in aumento da martedì 25 a sabato 29 maggio poi possibile nuova perturbazione

Immagine
  Perturbazione atlantica in transito in queste ore sull’Italia settentrionale con interessamento marginale anche delle regioni centrali, soprattutto Toscana e Umbria settentrionale, mentre più si scende verso sud più diminuiscono le nubi e prevale il sole con temperature anche sopra 30°C. Sull’Umbria viavai di nubi con qualche pioggia, stamattina soprattutto sui settori settentrionali con 4/5 mm caduti, con temperature miti, le minime quasi ovunque sopra i 13°C/15°C. Nelle prossime ore poco cambia se non qualche raggio di sole e precipitazioni che, con l’ingresso di aria un po’ più fresca, potranno assumere carattere temporalesco, comunque abbastanza localizzate. Migliora in serata.     Da domani martedì 25 maggio poi, cambierà un po’ la circolazione atmosferica sull’Italia, quanto basta per garantire una fase più stabile e soleggiata. Un’area di bassa pressione, la stessa che si sta interessando in queste ore, stazionerà tra Europa centrale e Scandinavia, risalendo, quindi, leggermen

Anticiclone afro mediterraneo in vista? Oggi e domani ancora qualche pioggia e calo termico, poi sole e caldo.

Immagine
  Altra perturbazione in transito sull’Italia ma con effetti, anche in questo caso, abbastanza limitati, soprattutto in termini di precipitazioni. Oramai sono settimane se non mesi che non piove in maniera abbastanza uniforme ed abbondante, per l’Umbria siamo al quinto mese sotto media ed il ricordo di precipitazioni diffuse con quantitativi di oltre 30 mm si perdono nella memoria. Questa mancanza di precipitazioni però non corrisponde ad una presenza di lunghi periodi miti e soleggiati, anzi, spesso il cielo è comunque risultato nuvoloso con temperature sotto media e vento, specie da aprile in poi. Ciò è dovuto essenzialmente alla tipologia di correnti che hanno investito l’Italia, spesso fresche nord atlantiche, con traiettoria troppo a ridosso della nostra penisola quindi senza la possibilità di creare un centro depressionario ben strutturato sui mari occidentali italiani o sulle isole maggiori come Sardegna e Corsica, in modo da organizzare un intenso richiamo di correnti miti, umi

Maggio con qualche perturbazione. Piogge a tratti fino a sabato 15, più sole e temperature prossime alle medie da domenica 16 maggio.

Immagine
  Siamo arrivati a metà maggio, quindi all’inizio dell’ultima fase della primavera, con condizioni atmosferiche sostanzialmente abbastanza normali, se non altro confrontate con clima spesso mite e secco di marzo o con le dannose gelate tardive di metà aprile. Il transito di quattro o cinque perturbazioni in maggio è normale, anzi, per certi versi auspicabile, se non altro in vista della stagione estiva, per la disponibilità delle risorse idriche. Poi naturalmente quello che stiamo scrivendo può contrastare con le necessità della situazione attuale, quindi la possibilità di lavorare all’aperto per molte attività che devono recuperare molti mesi di chiusura, ma il nostro è un discorso squisitamente meteorologico o meglio climatologico. Dovessimo riassumere in poche parole la tendenza per i prossimi giorni possiamo dire che fino a sabato 15 maggio il rischio piogge sarà ancora abbastanza elevato e le temperature si manterranno sotto media, ma da domenica 16 maggio torneranno ad aumentare

Anticiclone afro mediterraneo in arrivo, 8-9 giorni con prevalenza di sole e temperature in rialzo fin su valori estivi

Immagine
  L’avevamo annunciato nei giorni scorsi con gli aggiornamenti nelle nostre pagine social ed ora confermiamo tutto quanto scritto aggiungendo qualcosa in più, sia per i valori termici che raggiungeremo sia sulla durata della fase anticiclonica e calda in arrivo. Le ultime piogge nella giornata di sabato 1° maggio hanno interessato gran parte della nostra regione, senza comunque risultare, come previsto, particolarmente abbondanti, una manciata di millimetri che comunque hanno ammorbidito un pochino lo strato superficiale del terreno e giovato un po’ alla vegetazione che in questi giorni sta esplodendo com’è naturale che sia in maggio. Oggettivamente avremmo bisogno di maggiori precipitazioni in vista dell’estate dato che oramai sulla nostra regione siamo sotto media da gennaio, però il tempo fa quel che vuole e noi possiamo solo limitarci a prevederne le mosse. Attualmente le condizioni atmosferiche su gran parte d’Italia stanno migliorando, l’anticiclone atlantico infatti sta spingend

In arrivo 48/60 ore di piogge intermittenti, poi migliora. Debole instabilità pomeridiana nel fine settimana, temperature miti.

Immagine
  Ultimi giorni, tra sabato 24 e lunedì 26 aprile, abbastanza caldi e soleggiati, se si esclude qualche pioggia ieri, in prima mattinata e tardo pomeriggio, nulla comunque di significativo. Oggi però, come previsto, si entrerà nel vivo del peggioramento causato da un sistema depressionario che, proveniente dalla Spagna, transiterà con il suo centro di bassa pressione sul centro nord, per poi risalire sulla Germania. Non saranno piogge abbondanti, localmente qualcosa in più, anche oltre 30 mm, ma in generale dovremmo rimanere tra i 5 ed i 20 mm totali su gran parte del territorio umbro tra stasera e giovedì 29 aprile. Le ultime proiezioni dei modelli meteorologici indicano maggiore probabilità di avere accumuli più consistenti sul centro nord dell’Umbria, più o meno dal perugino/folignate verso nord, questo almeno fino a domani sera mercoledì 28 aprile. Le temperature non subiranno particolari variazioni, un lieve aumento dei valori minimi compresi più o meno tra i 9°C ed i 13°C, mentre

Dal prossimo fine settimana un deciso passo verso la stagione calda, poi un po’ di pioggia

Immagine
Inizio primavera, o meglio ancora mesi di aprile, oggettivamente fresco finora, temperature spesso sotto le medie stagionali con correnti prevalentemente nord orientali che non hanno portato significative piogge in Umbria ma nevicate lungo l’Appennino fino a quote medio basse. Nelle prossime ore le temperature torneranno in media e nel fine settimana anche qualcosa in più. Naturalmente non esploderà l’estate e soprattutto non avremo una lunga serie di giornate soleggiate con eliminazione delle nubi e delle piogge che, tra l’altro, in prospettiva estiva, servirebbero, dato che non ne abbiamo in quantità normali da gennaio, ma condizioni atmosferiche più calde primaverili. Anche quando pioverà, infatti, avremo valori termici miti, compresi tra 10°C e 20°C, le temperature minime si allontaneranno dagli 0°C dimenticando definitivamente le disastrose gelate avute in alcune aree dell’Umbria fino agli ultimissimi giorni. Attualmente una perturbazione debole/moderata proveniente dall’oceano A