Post

Giugno instabile ma estate a rischio intense ondate di caldo con brevi ma violenti break temporaleschi

Questo nostro editoriale è stato rimandato per più giorni semplicemente perché abbiamo preferito concentrarci su articoli descrittivi dell’evoluzione atmosferica prevista sul breve o medio periodo, con solo qualche sguardo sul lungo. Abbiamo tralasciato le tendenze pluri settimanali o mensili perchè ci lasciavano spesso perplessi nei loro probabili risvolti e quindi nelle loro conclusioni. Col senno di poi forse abbiamo fatto bene, il mese di maggio era atteso piovoso, grazie ad un tardivo final warming del Vortice Polare, dovevamo avere anticicloni stazionanti sul nord Europa e perturbazioni atlantiche costrette ad entrare in maniera perentoria sul bacino centro occidentale del mar Mediterraneo con prevedibili frequenti fasi piovose sull’Italia. Così non è stato, o almeno non lo è stato per gran parte d’Italia, in particolare per il centro rimasto con precipitazioni ben sotto media, solo al nord ovest le piogge sono risultate sopra media. Gli anticicloni tra isole inglesi e Scandinav…

Fino almeno al 20 agosto caldo e rari, isolati temporali pomeridiani.

Immagine
Dopo la notevole rinfrescata di inizio agosto, la circolazione anticiclonica afro mediterranea ha ripreso pieno possesso dei settori euro mediterranei centro occidentali e non solo, temperature molto elevate, su valori superiori a quelli in Italia, sono state infatti registrate anche sull’Europa centrale, dalla Francia fino alla Germania. L’estate quindi continua e continuerà per molti giorni ancora su gran parte del nostro continente,il grosso dello ondate di caldo interesserà ancora soprattutto l’Europa occidentale dove comunque saranno anche più frequenti e soprattutto sostanziosi i break temporaleschi prodotti da incursioni di aria fresca nord atlantica che filtrerà fin sulle regioni alpine dove continueranno a non mancare dei temporali pomeridiani e serali. Più invece si scenderà a sud del Po più l’instabilità atmosferica sarà debole, concentrata lungo i rilievi montuosi nelle ore pomeridiane mentre lungo le coste è da considerarsi nulla.Venendo nello specifico all’evoluzione atm…

Prevalenza di sole e caldo moderato fino a Ferragosto poi forse torna qualche temporale

Immagine
Per gran parte del centro nord Italia la fase temporalesca, accompagnata da un consistente calo termico, è stata oramai archiviata, oltre al sole e ad una più asciutta tramontana, nelle ultime ore è stato maggiormente avvertito anche il rialzo termico, specie sui settori tirrenici. Le stesse osservazione invece non si possono fare per il sud, ancora interessato da rovesci e temporali prodotti dalla circolazione depressionaria che ha attraversato l’Italia nei giorni scorsi ed ora è centrata in quota sulla Grecia ed a livello del mare sulla Turchia. Più ad ovest dell’Italia un marcato e robusto promontorio anticiclonico afro mediterraneo che sta portando molto caldo, con temperature fin sui 40°C, soprattutto su Spagna e Francia ma con valori termici elevati anche su Germania, Olanda e Belgio. L’asse inclinato, da sud ovest verso nord est, dell’anticiclone e la presenza della circolazione depressionaria su Grecia e Turchia, spiegano la presenza di correnti nord orientali sull’Italia, più…

Peggioramento più duraturo e consistente, da giovedì 6 agosto torna il sole con temperature in aumento

Immagine
Nella giornata di domenica 2 agosto i primi isolati temporali prefrontali hanno interessato il nord dell’Umbria, ancora rovesci e temporali ieri lunedì 3 agosto soprattutto a nord di Perugia con accumuli fin sui 40 millimetri, anche qualche danno per il vento e locali allagamenti. Sull’Umbria centro meridionale per ora solo isolati rovesci, anche temporaleschi, prima sui Sibillini, poi più isolati sui Martani e durante l’ultima notte tra media valle del Tevere e alta valle Umbra. In generale però è iniziato il calo termico e già la sensazione di caldo è ben differente rispetto a due o tre giorni fa, in alcuni casi anche 10°C in meno.



Oggi il centro della bassa pressione transiterà sopra l'Umbria, trasferendosi dall'alto mar Tirreno al mar Adriatico centrale. Ciò causerà un generale aumento dell'instabilità atmosferica sul centro Italia con rovesci sparsi e temporali. Sulla nostra regione le precipitazioni più frequenti ed abbondanti sono attese al nord est poi progressivame…

Peggioramento rapido ma significativo, pochi temporali ma anche forti, calo termico più consistente

Immagine
Man mano che ci avviciniamo all’evento, come sempre accade, i modelli tendono a chiarire la loro proiezione evolutiva e soprattutto a concordare tra loro. Stamattina quindi ci sono significative novità che, in realtà, avevamo intravisto anche ieri ma seguendo il detto che “una rondine non fa primavera”, abbiamo atteso ulteriori conferme. In termini di precipitazioni non è cambiato molto soprattutto per le quantità e la diffusione, alcune aree dell’Umbria tra il 1° ed il 4 agosto potrebbero non vedere nulla, ma per l’intensità si, quelle poche aree che saranno interessate direttamente da temporali, potranno avere fenomeni intensi, con quantitativi di acqua, e grandine, notevole nell’arco di poco tempo, inoltre molti fulmini e raffiche di vento. Più generalizzato invece sarà il calo termico, soprattutto per il fatto che verremo da una fase molto calda, con temperature ampiamente sopra media mentre martedì 4 agosto scenderemo addirittura sotto media, in pratica in tre o quattro giorni il…