Nelle prossime ore freddo e neve fin su alcuni fondovalle umbri

Quando un sistema depressionario abbastanza intenso giunge sull’Italia proveniente dal nord Africa, in particolar modo da Marocco, Algeria e Tunisia, i meteorologi italiani hanno sempre notevoli difficoltà ad inquadrare con largo anticipo l’evoluzione atmosferica ed in particolare i quantitativi di precipitazioni, la loro localizzazione e le temperature attese, ciò poi si complica se al contempo mezza nostra penisola è alle prese  con un afflusso di aria fredda artica, quindi masse d’aria fredda che spingono da nord verso sud ed aria calda che a sua volta risale da sud, in alcuni casi scalzando l’aria fredda con venti al suolo mentre in altri impennandosi e salendo di quota, in entrambi casi gli effetti in termini di precipitazioni e temperature sono anche molto differenti, specie se poi questi effetti insistono su un territorio orograficamente complesso come quello italiano. Questa difficoltà è essenzialmente dovuta al semplice fatto che i modelli processano meno dati o dati incompleti. purtroppo nei paesi del nord Africa precedentemente menzionati ci sono poche stazioni meteorologiche ed in generale minori fonti di dati rispetto ai paesi europei, quindi è normale che i modelli “fatichino”, ed ancor più i meteorologi che fin quando non sanno dove transiterà un determinato minimo depressionario non possono elaborare una previsione che si basa sull’incidenza delle correnti in una determinata area geografica con la relativa orografia che ne determina i microclimi. Questa premessa è necessaria per far capire come in alcuni casi, come quello attuale, non possiamo arrivare ai massimi livelli di precisione con largo anticipo, poi ora che la perturbazione è entrata nell’area di monitoraggio più diretta da parte della rete italiana possiamo aumentare il livello di accuratezza delle previsioni per le prossime ore.Attualmente, come spiegato nei precedenti articoli, l’Italia è terreno d’incontro/scontro tra due masse d’aria d’origine e consistenza differenti, aria calda ed umida afro mediterranea che accompagna un minimo depressionario in risalita da Gibilterra ed aria fredda di origine artica spinta verso la nostra penisola da una circolazione anticiclonica sull’Europa centro orientale. L’Umbria si trova sulla linea di confine tra queste due masse d’aria differenti. Inizialmente, quando il flusso d’aria calda era ancora piuttosto debole, per la lontananza del centro depressionario dall’Italia, l’aria fredda preesistente ha resistito abbastanza bene, quindi anche in Umbria abbiamo avuto nevicate fino a quote basse, poi, nelle ultime ore, l’aria calda ha preso il sopravvento e la quota neve è aumentata a partire dal sud dell’Umbria dove nevica generalmente sopra gli 800/1000 metri di quota (A Castelluccio di Norcia temperatura di 0°C), solo sull’estremo nord dell’Umbria dove i venti nord orientali fanno affluire un po’ d’aria fredda dal catino padano, i fiocchi di neve scendono ancora fin sui 400/500 metri di quota.

 

 


 

Nelle prossime ore il minimo depressionario a livello del mare transiterà sul medio basso mar Tirreno per poi spostarsi sulla Puglia mentre il centro depressionario in quota si sposterà sulla Toscana ed attraverserà le regioni centrali fino a posizionarsi sopra le basse Marche domattina lunedì 11 gennaio. Sull’Umbria quindi, dalle prossime ore pomeridiane, è atteso un maggior afflusso dell’aria fredda che tornerà a prevalere sull’aria calda, questo contrasto porterà anche ad un temporaneo aumento delle precipitazioni soprattutto sui settori centro meridionali della regione. Stasera poi, con l’ulteriore afflusso di aria più fredda ma anche più asciutta, le precipitazioni tenderanno a  diminuire a partire dall’Umbria occidentale, le aree appenniniche invece potranno ancora beneficiare di un debole/moderato effetto stau grazie all’umidificazione delle correnti fredde nord orientali da parte della superficie marina adriatica. Durante la prossima notte e domattina lunedì 11 gennaio le precipitazioni diverranno prima sparse, poi locali, isolate in tarda mattinata e domani pomeriggio cesseranno del tutto in concomitanza con la fase più intensa dell’afflusso di aria fredda. Mediamente tra stamattina e domattina le temperature scenderanno di circa 5°C in Umbria, in qualche caso 4°C, in altri 6°C, poi dipenderà dalle zone. La neve debole o moderata, nel pomeriggio odierno scenderà fin sui 300/500 metri di quota sul perugino settentrionale, eugubino gualdese e tutto il nord dell’Umbria, mentre a sud del perugino fino all’orvietano e lo spoletino staremo tra i 500/700 m di quota, naturalmente quote di 500 metri più probabili nei settori appenninici, sul sud dell’Umbria 700/900 metri di quota, sull’Umbria centro meridionale le precipitazioni potranno risultare a tratti anche intense quindi non è da escludere che qualche fiocco tra la pioggia possa scendere anche 100/150 metri più in basso ma cambierà poco nella sostanza. In serata quota neve in ulteriore generale calo, un 200 metri in meno da nord a sud ma le precipitazioni tenderanno a diminuire come abbiamo già detto, una rapida imbiancata sarà possibile in alcuni dei principali centri cittadini dell’Umbria centro settentrionale, a partire da Gualdo tadino, Gubbio e dal centro storico di Perugia. 

 



Durante la notte e domattina ulteriore calo termico e della quota neve ma le precipitazioni diverranno molto più localizzate ed occasionali, tenderanno poi a concentrarsi in Appennino. Dal pomeriggio di domani lunedì 11 gennaio ampi rasserenamenti con attenuazione del vento dalla serata, attese gelate anche intense per le prime ore mattutine di martedì 12 gennaio.

 


 


Commenti

Post popolari in questo blog

Neve e freddo in arrivo sull’Umbria nel fine settimana

Il gelo alle porte dell’Italia ma almeno fino a metà mese li resterà

Da stasera nevicate su gran parte dell’Umbria, fine settimana molto freddo. Attenzione al ghiaccio.