Circolazione prevalente anticiclonica fino almeno a venerdì 6 novembre con pochi disturbi

 Il mese di ottobre si sta chiudendo con un bilancio pluviometrico superiore alle medie per il secondo mese consecutivo su molte zone dell’Umbria, dopo tanta pioggia comunque ora abbiamo una serie di giornate senza piogge, non molto asciutte per la presenza di nebbie e l’assenza di vento, con temperature che saliranno soprattutto nel fine settimana. Le proiezioni per la seconda parte dell’autunno ci propongono una maggiore presenza di fasi anticicloniche che si tradurrà in minori precipitazioni ma anche più nebbia e smog dato che per quanto riguarda il campo termico non sembra ci si debba attendere notevoli scostamenti rispetto alle medie, staremo a vedere ma soprattutto tratteremo questi argomenti in un prossimo specifico editoriale.

Detto questo, oggi non sarà una splendida giornata di sole nonostante la pressione atmosferica a livello del mare resti su valori relativamente alti, sull’Umbria intorno ai 1019 mb. Ciò è dovuto al transito oltralpe di una perturbazione nord atlantica che per alcune ore manterrà sull’Italia correnti nord occidentali in quota ed occidentali con circolazione blandamente ciclonica a livello del mare, sufficiente per produrre nuvolosità, generalmente poco consistente, ma capace di limitare anche notevolmente il soleggiamento. Sulla nostra regione è piuttosto evidente tale situazione tanto che nelle prossime ore assisteremo, oltre al dissolvimento delle nebbie nei fondovalle, ancora al transito di molte nubi con qualche pioviggine possibile nel nord dell’Umbria. La situazione cambierà in maniera significativa da domani venerdì 30 ottobre quando la perturbazione nord atlantica si allontanerà definitivamente ad oriente mentre da occidente avanzerà di gran carriera l’anticiclone con valori elevati, fin sui 1025 mb, a livello del mare sopra la nostra penisola e valori elevati in quota tra Sardegna ed isole Baleari. Sull’Umbria rasserenamenti in avanzamento da ovest solo tra la tarda mattinata ed il pomeriggio con temperature in aumento.


 

Nei prossimi giorni poi, fino a martedì 3 ottobre, pur con una circolazione anticiclonica stabile sopra il bacino centrale del mar Mediterraneo, le fasi soleggiate più lunghe le avremo sul sud Italia mentre al nord molte nubi ed anche qualche pioggia, questo perché nel fine settimana si attiveranno intense correnti miti ed umide meridionali legate ad un intenso sistema depressionario nord atlantico centrato nei pressi della Scozia. Queste correnti meridionali incontrando i rilievi montuosi del nord Italia dove la pressione atmosferica sarà anche un po’ più bassa, produrranno nubi a tratti intense e capaci di scaricare qualche locale pioggia soprattutto da lunedì 2 novembre, specie sulla Liguria e sulle Prealpi, mentre sulle regioni centrali solo nuvolosità irregolare, alle volte più estesa, ma in grado di produrre solo qualche temporaneo piovasco o pioviggine sull’alta Toscana e sull’alta Umbria, tra lunedì 2 e mercoledì 3 novembre. Sul sud Italia maggiore presenza di sole, specie sui settori adriatici e ionici. Temperature superiori alle medie del periodo, venti deboli o moderati meridionali.

 


Mercoledì 4 novembre è atteso il transito di una debole perturbazione sul nord Italia dove avremo qualche pioggia in più, al centro ancora transito di molte nubi ma non si andrà oltre qualche locali pioviggine o piovasco, specie sui settori tirrenici, quindi anche sull’Umbria. Temperature senza variazioni di rilievo, venti deboli meridionali. Giovedì 5 novembre con l’allontanamento verso nord est della debole perturbazione, lento miglioramento ma probabilmente sull’Umbria non avremo significative schiarite prima del pomeriggio/sera, in concomitanza con l’attivazione di venti deboli di tramontana, temperature senza variazioni di rilievo. 

 


Venerdì 6 novembre anticiclone e tramontana debole/moderata potrebbero garantire una giornata di sole con temperature in lieve aumento, specie nei valori massimi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giugno instabile ma estate a rischio intense ondate di caldo con brevi ma violenti break temporaleschi

Peggioramento rapido ma significativo, pochi temporali ma anche forti, calo termico più consistente

Lunedì 24 agosto alcuni temporali e fine del caldo intenso, da sabato 29 agosto probabile primo colpo serio all’estate