Gran caldo fino a lunedì 26 luglio poi temporali al nord e qualche pioggia al centro con generale calo termico

Estate e soprattutto mese di luglio che continua con uno schema ripetitivo, ossia fase anticiclonica della durata di circa 8-10 giorni, inizialmente dalle caratteristiche più azzorriane poi afro mediterranee per qualche giorno, interrotta da una perturbazione atlantica in transito al nord  che interessa più marginalmente il centro sud ma comunque con un generalizzato calo delle temperature. Questo schema si sta ripetendo anche in questi giorni e per ora nulla sembra cambiare, le perturbazioni atlantiche faticano ad affondare più a sud dell’Appennino settentrionale e l’instabilità che ogni tanto interessa il centro sud è dovuta essenzialmente a refoli di aria fresca e/o umida che seguono la perturbazione su di un letto di correnti nord occidentali o nord orientali. Attualmente sull’Italia la circolazione a livello del mare è blandamente anticiclonica mentre in quota persistono correnti nord occidentali sul letto delle quali affluisce aria umida e debolmente instabile nord atlantica, l’anticiclone infatti ha i propri massimi sopra l’Inghilterra mentre le due principali aree depressionarie stazionano rispettivamente davanti alle coste occidentali della Spagna e sull’Europa orientale, dalla Russia alla Turchia. Ciò garantisce condizioni prevalentemente stabili e soleggiate sull’Italia, solo durante le ore pomeridiane qualche piccola “bolla” calda ed umida riesce a sviluppare delle nubi cumuliformi, anche grazie a correnti in quota non del tutto anticicloniche, a ridosso dei rilievi montuosi che possono scaricare locali rovesci anche temporaleschi. E’ accaduto ieri pomeriggio sulle Alpi ed in maniera minore lungo l’Appennino, accadrà ancora oggi. 

 

 

La debolissima instabilità atmosferica pomeridiana è abbastanza evidente anche sull’Umbria, ieri pomeriggio temperature massime elevate ed isolati rovesci temporaleschi sia lungo l’Appennino che in maniera minore a ridosso dei rilievi montuosi tra Umbria sud occidentale, Toscana e Lazio, poi durante le ore serale, col raffreddamento del terreno, nubi cumuliformi in dissolvimento e rasserenamenti. Anche sulla nostra regione si replicherà oggi, temperature massime tra i 32°C ed i 37°C, poi qualche isolato temporale pomeridiano. Tra domani venerdì 23 luglio e domenica 25 luglio poi, un promontorio anticiclonico afro mediterraneo, evidente soprattutto in quota, si sposterà dal mar Mediterraneo occidentale fin sopra l’Italia, ciò ridurrà notevolmente la comunque debolissima instabilità atmosferica pomeridiana ma soprattutto determinerà un ulteriore rialzo delle temperature da nord a sud con valori che sulle regioni meridionali e la Sardegna potranno anche superare i 40°C. Sull’Umbria gran sole e caldo con temperature massime comprese tra i 34°C ed i 39°C, elevate ma comunque statisticamente frequenti durante l’ultima decade di luglio, venti deboli sud occidentali in intensificazione. 

 


Questa ondata di caldo, come le altre che l’anno preceduta negli ultimi 50 giorni, verrà nuovamente interrotta, da una perturbazione atlantica che inizierà ad interessare le regioni alpine domenica 25 luglio, in pratica avremo un centro depressionario posizionato sopra il canale della Manica che piloterà correnti sud occidentali sull’Italia, calde e stabili al centro sud, umide ed instabili al nord. Lo stesso centro depressionario, tra lunedì 26 e martedì 27 luglio, risalirà verso nord posizionandosi tra Scozia e Norvegia, al contempo però, lascerà in eredità una perturbazione che, costituita da un nucleo di aria fresca nord atlantica, transiterà prima sulla Francia e poi probabilmente sul nord Italia dove sono attese molte nubi, piogge frequenti e temporali anche intensi. Sul centro Italia aumenteranno le nubi già da lunedì 26 luglio ma con scarse precipitazioni, qualche rovescio o temporale invece, è atteso tra martedì 27 e mercoledì 28 luglio, prima soprattutto sui settori tirrenici poi su quelli adriatici, probabilmente nulla al centro sud. Più generalizzato il calo termico, più significativo al nord ma una diminuzione di almeno 7°C/8°C entro mercoledì 28 luglio è, ad oggi, attesa anche al centro. 

 


Sull’Umbria, attualmente, è atteso un aumento delle nubi con una debolissima instabilità atmosferica nel pomeriggio/sera di lunedì 26 luglio, parliamo di qualche isolato rovescio, anche temporalesco. Qualcosa in più, in termini di precipitazioni, sarà possibile attendersi per martedì 27 luglio ma, ad oggi, nulla di abbondante, qualcosa di simile all’ultima perturbazione, più significativo invece il calo termico con temperature che torneranno su valori prossimi alle medie del periodo. Probabile ritorno a condizioni atmosferiche prevalentemente stabili con temperature in aumento durante la seconda parte della prossima settimana, saremo ancora però interessati da correnti umide occidentali quindi è il caso di riaggiornarci con i nostri prossimi articoli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Neve e freddo in arrivo sull’Umbria nel fine settimana

Il gelo alle porte dell’Italia ma almeno fino a metà mese li resterà

Da stasera nevicate su gran parte dell’Umbria, fine settimana molto freddo. Attenzione al ghiaccio.