Dal 21 settembre, progressivamente, arrivano le piogge ed il calo termico, si torna nella norma dal 25 settembre.

L’estate 2020 si è comportata più o meno come ci aspettavamo e come avevamo cercato di inquadrare con l’editoriale pubblicato ad inizio giugno, ossia fasi calde in aumento a partire da metà giugno con brevi break temporaleschi ma soprattutto la possibilità che le temperature calde estive si sarebbero protratte anche per gran parte di settembre. Fortunatamente però il clou del caldo è rimasto più ad ovest, colpendo a più riprese l’Europa occidentale, in Francia sono stati raggiungi i 38°C anche in questi giorni di metà settembre, sull’Italia invece un’estate calda, con un bilancio finale sopra media ma non troppo.

Con questo articolo invece vogliamo annunciare in maniera definitiva l’arrivo sull’Italia di una circolazione atmosferica dai contorni più autunnali, con condizioni atmosferiche più instabili e temperature in calo fin su valori prossimi alle medie del periodo.


 

L’alta pressione si manterrà sopra l’Italia fino a domenica 20 settembre, regalandoci ancora una serie di giornate soleggiate e calde, tipicamente estive, con valori massimi anche superiori ai 30°C. Poi però l’anticiclone verrà progressivamente eroso, da ovest, da una blanda circolazione depressionaria di origine atlantica stazionante tra Francia e Spagna. Sull’Italia, specie centro settentrionale, le nubi aumenteranno già dal pomeriggio di domenica 20 settembre con qualche locale rovescio o temporale tra il pomeriggio e la serata, poi si andrà avanti con un via vai di nubi e locali piogge fino a martedì 22 settembre, spesso a carattere di rovescio o temporale, più frequenti sulle zone interne montuose durante le ore pomeridiane. Le correnti ed i venti saranno sud occidentale, le temperature caleranno più per il minor soleggiamento che per le precipitazioni o per i venti che essendo ancora meridionali risulteranno miti.



Tra mercoledì 23 e venerdì 25 settembre la circolazione depressionaria tra Spagna e Francia avrà compiuto il grosso del lavoro, ossia indebolire l’alta pressione sui settori euro mediterranei centrali, sarà quindi riassorbita dal una vasta ed intensa circolazione depressionaria nord atlantica che, centrata inizialmente poco ad ovest dell’Irlanda, inizierà a muoversi verso sud ovest. Quest’ultima piloterà una prima perturbazione sull’Italia mercoledì 23, probabilmente una seconda venerdì 25 settembre. In questa fase quindi sono attese nubi e precipitazioni più consistenti, soprattutto sul nord e sul centro tirrenico, con temporali anche intensi, in questa situazione il calo termico sarà più consistente con valori massimi che torneranno in linea o leggermente sotto le medie.

 



Nel fine settimana seguente l’intensa e vasta circolazione depressionaria nord atlantica sarà sopra i settori euro mediterranei centro occidentali con centro tra Scozia e Danimarca, sull’Italia potrebbero affluire correnti nord atlantiche ancora più fresche ma ne riparleremo nei prossimi aggiornamenti.

Sull’Umbria ancora sole e caldo fino a domenica 20 settembre, nel fine settimana cesseranno i venti settentrionali sostituiti da più umidi ed ancora miti venti sud occidentali. Nel pomeriggio di domenica 20 settembre nuvolosità in generale aumento con probabile formazione di nubi cumuliformi e qualche rovescio o temporale più probabile in Appennino. Lunedì 21 e martedì 22 settembre ancora nuvolosità soprattutto nel pomeriggio con locali rovesci e temporali ancora in appennino ma man mano più probabili anche sui settori centro occidentali della regione. Piogge un po’ più generalizzate ed abbondanti potremo averle con il passaggio delle due perturbazioni nord atlantiche tra mercoledì 23 e venerdì 25 settembre ma è ancora troppo presto parlare di quantitativi di pioggia attesa, di certo assisteremo ad un ulteriore calo termico con temperature massime che scenderanno quasi ovunque sotto i 25°C.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giugno instabile ma estate a rischio intense ondate di caldo con brevi ma violenti break temporaleschi

Peggioramento rapido ma significativo, pochi temporali ma anche forti, calo termico più consistente

Lunedì 24 agosto alcuni temporali e fine del caldo intenso, da sabato 29 agosto probabile primo colpo serio all’estate