Prima significativa perturbazione atlantica di novembre e condizioni atmosferiche che si vivacizzano un po’

 Fine settimana di metà novembre caratterizzato da deboli ma piuttosto umide correnti sud occidentali che producono nubi e nebbie soprattutto sulle valli delle zone interne del centro nord, più sole invece al sud, o meglio dal Lazio verso sud. Sull’Umbria come pure sulla Toscana le nebbie in alcuni casi tendono a persistere a causa di una ventilazione assente o comunque scarsa mentre la nuvolosità, a tratti estesa, riesce anche a produrre delle pioviggini e piovaschi, in qualche isolato caso anche dei rovesci. Le temperature restano su valori prossimi alle medie del periodo, poco sopra di notte e poco sotto di giorno dove è presente nuvolosità viceversa dove i cieli si presentano più sereni o comunque meno nuvolosi.

Da domani lunedì 16 novembre comunque, la situazione cambierà, un segnale che ci fa capire come la circolazione atmosferica sullo scenario meteorologico euro atlantico mediterraneo tende ad evolversi lentamente verso una minore preponderanza degli anticicloni che oramai ci accompagnano da almeno venti giorni, con una maggiore presenza di perturbazioni, generalmente nord atlantiche. Una perturbazione nord atlantica infatti, la prima di una certa consistenza, attraverserà l’Italia producendo molte e più consistenti nubi ma soprattutto precipitazioni su gran parte del territorio italiano, nevose sulle Alpi e sulle cime più alte dell’Appennino, piovose più in basso, anche a carattere di rovescio ed in qualche caso di temporale. Sull’Umbria, escluse i locali piovaschi e pioviggini delle prossime 20 ore, le prime piogge più consistenti sono attese nella mattinata di domani lunedì 16 novembre, le precipitazioni proseguiranno a fasi alterne fino a sera poi è atteso un progressivo miglioramento. Le temperature caleranno un po’, specie nei valori massimi, mentre i venti s’intensificheranno un po’ tanto da divenire deboli o localmente a tratti moderati, da sud ovest, in serata nord orientali.

 

 

Martedì 17 novembre, con la perturbazione in allontanamento verso sud est, promontorio anticiclonico in avanzamento da ovest, migliora su tutto il centro nord, ancora molte nubi e piogge al sud. Sull’Umbria tramontana debole o moderata con residua nuvolosità lungo l’Appennino, in generale comunque tenderà a prevalere il sole da ovest. Mercoledì 18 novembre anticiclone sopra l’Italia con residue piogge al sud ma in miglioramento, sereno o poco nuvoloso al centro nord, sull’Umbria sole con tramontana in attenuazione, temperature prossime alle medie del periodo, parliamo quindi di valori massimi intorno ai 14°C/18°C mentre le minime 3°C/7°C circa. Giovedì 19 novembre situazione pressoché stazionaria, ancora circolazione anticiclonica sull’Italia con prevalenza di sole ed aria non così umida da favorire il ritorno delle nebbie estese avute nei fondovalle fino ad oggi.

 


 

Venerdì 20 novembre invece una nuova perturbazione nord atlantica sembra poter raggiungere l’Italia, in questo caso dovrebbe essere accompagnata da un impulso di aria fredda artica nord atlantica un po’ più consistente, dando luogo alla formazione si un centro depressionario sul mar Tirreno che tenderà a muoversi velocemente verso le regioni meridionali. Il peggioramento inizierà sul nord Italia già dalle prime ore di venerdì 20 novembre mentre al centro in serata, al sud soprattutto sabato 21 novembre. Dalle proiezioni attuali possiamo ipotizzare che il nord e le regioni centrali tirreniche saranno meno interessate dalle precipitazioni rispetto al sud ed al centro Adriatico, quindi anche l’Umbria non sembra poter vedere grosse piogge, mentre il calo termico sarà generalizzato, entro il prossimi fine settimana sulla nostra regione le temperature potranno scendere anche sotto media seppur non di molto. 

 


Domenica 22 novembre comunque, sul centro nord, sull’Umbria migliora già dal pomeriggio di sabato 21 novembre, avremo nuovamente il sole con ancora tramontana. Della perturbazione del prossimo fine settimana ne torneremo a parlare con maggiori dettagli nei prossimi nostri aggiornamenti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giugno instabile ma estate a rischio intense ondate di caldo con brevi ma violenti break temporaleschi

Peggioramento rapido ma significativo, pochi temporali ma anche forti, calo termico più consistente

Lunedì 24 agosto alcuni temporali e fine del caldo intenso, da sabato 29 agosto probabile primo colpo serio all’estate